Pagina:Deledda - Chiaroscuro.djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

chiaroscuro 5


Ma Cáralu era stato anche nelle altre parti del mondo.

— Tu sta zitta, bocca di chiocciola! Cosa sai tu? Perchè possiedi una casupola e un pozzo senz’acqua credi di poter giudicare la roba degli altri? Neanche il primo diavolo del mondo è buono a tirar fuori i soldi che possiede mio padre. In America i soldi ci sono, è vero, ma la roba costa cara e tu spendi più di quello che hai. A che serve allora? In casa mia invece ci son tutte le provviste, a mucchi, a mucchi, e i soldi mio padre li mette da parte. Questa è la vera ricchezza. Perciò mio padre è rispettato come un re. Quando alla sera egli siede sulla panca sotto il pergolato, e mia madre accanto, e intorno le mie cognate, i bambini, le serve, provi a venir avanti la Corte Reale, se è più bella di così! Dunque, ti dicevo, la mia rovina è stata quella di voler sposare una ragazza povera. Era alta, bella, grassa, però: lì ce n’era da consolare un cristiano!

Sabéra, piccola e magra, tentava nuovamente di protestare.

— Le donne del tuo paese son tutte nere come il tormento dell’inferno.

— Tu sta zitta, spiedo di Giudeo! La mia fidanzata era bianca e bella. Viveva sola, come te, ma la sua casa era fuori di mano, con una finestra bassa senza inferriata. Una notte io stavo appoggiato a questa finestra, così, per gusto mio: a un tratto l’imposta cedette ed io precipitai dentro. La ragazza stava a