Pagina:Deledda - Chiaroscuro.djvu/310

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
304 l'ultima


versata dal Cedrino. La vecchia abitava quest’ultima.

Un giorno d’autunno ella stava seduta sullo scalino traballante della sua porticina e filava, aspettando che il mezzadro le portasse le solite provviste; ma era quasi mezzogiorno, e giù per I’ avanzo di sentiero che scendeva alle rovine di una chiesetta e poi si perdeva nella pianura sabbiosa e nei giuncheti, non si vedeva nessuno.

La vecchia però non s’inquietava: provviste ne aveva ancora, e del resto non si curava.

Aveva già fatto colazione con caffè e pane d’orzo, e il sole tiepido di ottobre le scaldava i piedi e le mani: si sentiva quindi felice, tranquilla come le pietre giù della china.

Quel giorno la terra godeva, cosa insolita in quei paesi laggiù, ove anche la primavera e l’estate son tristi, quando il fiume senz’argini è per la pianura un amante crudele che la feconda e poi l’annega, e il sole è un padrone implacabile che la tiene schiava e alla notte le dà una guardiana più feroce di Iui, la febbre. Ma l’autunno stendeva i suoi veli azzurri sui monti della Baronìa, e giù nella pianura, lungo i giuncheti, le tamerici dorate crepitavano come fiamme, animate da stormi di beccacce.

Finalmente una donna apparve sul sentiero, arrivò ansando, depose un cestino davanti alla vecchia e vi si accovacciò accanto, nera e bianca, tremante. Dall’apertura del fazzoletto nero