Pagina:Deledda - Chiaroscuro.djvu/312

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
306 l'ultima


Gli occhi verdognoli velati di febbre esprimevano uno stupore dolente; ma la vecchia guardava dentro il cestino, pieno d’involti e di ortaggi, e il suo viso nero e legnose e gli occhi lattei esprimevano un’indifferenza selvaggia.

Corfu 'e istrale assu pè!1 Anche Efis? — disse finalmente.

La sua ironia era benevola, come di chi considera gli errori umani con disinteresse; eppure colpì la donna più che tutte le chiacchiere e le malignità appassionate delle sue comari e delle sue vicine di casa. La testa le tremò forte sull’esile collo e un cupo rossore le cerchiò gli occhi.

— Zia Pattoi, — cominciò, ma tosto tacque, e si afferrò all’orlo del cestino come per sostenersi.

Ma I’altra continuava nella sua faccenda e il filo argenteo calava giù dalla conocchia come il filo d’acqua d’una fontana.

— Zia Pattoi.... che ne dite, dunque? Anche lui!

— Mondo, mondo!

Ma invece di consolarsi, la donna scoppiò a piangere.

— Zia Pattoi, sì, mondo!... Un uomo come lui.... un uomo anziano.... che pure sembrava innocente come una creatura di sette anni! Ed ecco che a un tratto diventa come indemoniato, con sette spiriti in corpo, e tutti

  1. Colpo di scure al piede.