Pagina:Deledda - Il nostro padrone, Milano, Treves, 1920.djvu/144

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 138 —


taci almeno!... Ho veduto io.... ho sentito io.... E tu, lasciami, pezzente! Ti denunzierò....

— Oh, anche voi! E denunziate pure! — egli disse, mettendosi a ridere. — Ma prima fatemi un piacere, lasciatemi parlare. Io non conoscevo neppure vostra figlia....

— Tanto meglio, allora! Ma lei veniva spesso, qui! Oggi però non è riuscita bene l’avventura....

In quel momento Sebastiana, che si aggirava desolata per la camera, guardò fuori dell’uscio e diede un grido.

— Mamma, mamma, — supplicò, — voi mi rovinate. Tacete! Il cortile è pieno di gente! Viene Antonio Maria....

Antonio Maria rientrava, infatti, meravigliandosi di vedere il suo cortile insolitamente animato.

— Ebbene? E che si vendono torroni, qui? Che c’è?

Una donna gli disse con ironia:

— Pare che in casa tua si siano rifugiati due colombi. Abbiamo veduto la maestra Saju che correva per scacciarli.

Egli la prese per il braccio e la spinse fuori del cortile, accennando con la testa alle altre donne di andarsene; ed appena entrato nella sua camera capì confusamente di che si trattava.