Pagina:Deledda - Il nostro padrone, Milano, Treves, 1920.djvu/230

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 224 —

che non lavorava neppure di giorno mentre Marielène non riposava neppure la notte. Ella andava e veniva, nella penombra della cucina, agile e nervosa, vestita nuovamente col suo costume scuro; era magra e pallida, ma il suo piccolo viso aveva preso una espressione di bontà e quasi di tenerezza.

— C’è già il lumino acceso in camera, Bruno mio, va! Adesso verrò anch’io.

Egli attaccò il cappello ad un chiodo e disse esitando:

— Elena, senti, ho veduto la casa di Zoseppedda Congiu.

— A quest’ora?

— Di fuori! Ho contato le finestre.... ho calcolato.... Saranno in tutto sei camere, la cucina, la cantina, le soffitte.... La vogliono vendere, e se la danno a rate ci conviene....

— Chi t’ha detto che la vendono?

— Sebastiana. Sono stato là per cercare il Dejana.... ed anche per domandare per la casa.... — abbassò la testa, pensieroso, ma la rialzò subito. — Sì, ci conviene; è veramente una casa adatta per pensione.

— Non basta vederla al di fuori! — ella disse vivacemente. — Eppoi prima bisogna informarsi bene, perchè Sebastiana