Pagina:Deledda - Il nostro padrone, Milano, Treves, 1920.djvu/335

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 329 —


— Come non si può? Ma io, capisci, ho amici così affezionati che per aiutarmi sarebbero capaci di offrirmi i gioielli delle loro mogli.... Capisci, Gerusalè, uomo morto di sonno?

Predu Maria si sentiva battere il cuore. I gioielli.... dare i gioielli di sua moglie? Antoni Maria voleva dirgli questo? Forse sapeva che i gioielli di Sebastiana erano stati acquistati col compenso del crimine?.. Per nascondere il proprio turbamento, egli finse di offendersi e disse:

— Offrirti bottoni e medaglie da donna! Ma io non ci avrei mai pensato!

— Sta tranquillo! Anche se tu ci pensassi, tua suocera ti farebbe cambiare pensiero!

— Dopo tutto avrebbe ragione; i gioielli di Sebastiana li ha comprati lei, coi suoi denari. Io non avevo un centesimo; ero nudo come un uccellino appena nato.... e non avevo neanche da vestirmi, io, nonchè da comprare gioielli e cianfrusaglie...

Ma l’altro lo fissava beffardo e apriva stringeva le labbra quasi trattenendo a estento parole d’ironia e di rimprovero. Infine gridò:

— Chi ti domanda nulla? Morrei di fame prima di domandarti un soldo.

— Tu non fai altro che insultarmi, An-