Pagina:Deledda - Il paese del vento, 1931.djvu/210

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 204 —

impeto: risate omeriche finivano con accordare le diverse opinioni; e già erano cominciati i brindisi.



Anche il mio vicino di sinistra cominciava a dar segni di partecipazione alla vita comune. Mangiato il quarto piatto, che consisteva in un fritto di pesci finissimi, egli si era fermato di un colpo: tale uno che arriva alla sua mèta e di lì non intende più muoversi.

— Signor Fanti, non prende un po’ di arrosto?

— No, grazie, basta.

— Badi, è fagiano.

Egli ne ha già sentito l’odore, ma non si lascia tentare.

— Grazie, grazie: io sono satisfé.

Scherza, se Dio vuole: la sua statuaria impassibilità si è rallentata, e il suo viso è davvero raggiante di soddisfazione: quello che non approvo, in lui, è il suo inutile