Pagina:Deledda - Il segreto dell'uomo solitario, 1921.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 129 —

venuta a tentarlo: in fondo sentiva che se ella avesse davvero osato tanto, si sarebbe alzato urlando per scacciarla.

La serva, d’altronde, pareva si attardasse lì solo per bisogno di chiacchierare.

— Il mio padrone sta molto meglio; è tanto debole, però; sembra fatto di quattro zolfanelli, adesso che s’è sgonfiato: potrei prenderlo dentro il pugno: mi pare un bambino coi capelli bianchi. Ha anche la mente più lucida: ieri venne il dottore e gli chiese che cosa desiderava: andar via, disse. Adesso la signora è presa dalla smania di portarlo via, e non fa che ripeterglielo. Lo porterà via, sì! Oggi andrà a vedere il villino giù nel paese, e lei resterà qui solo come un eremita, se non si decide a cercare anche lei un’altra casa.

Allora egli si volse: la vide che ripuliva distrattamente la tavola col suo grembiule, ma al moto di lui prontamente volgeva anche lei il viso a guardarlo, ammiccando.

— Tornerà Ghiana a farle compagnia....

— Vattene! — egli gridò con la sua voce feroce di un tempo: e tornò a volgerle le spalle.

Eppure, appena andata via lei, si sollevò improvvisamente rianimato; uscì fuori, guar-

Deledda, Il segreto dell’uomo solitario. 9