Pagina:Deledda - Il segreto dell'uomo solitario, 1921.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 213 —




La donna taceva.

Egli non la guardò, non si mosse; ma dopo qualche momento di silenzio pauroso disse con voce umile:

— Dimmi subito quello che pensi. Dimmelo; non aver paura di me.

Rispose il pianto sommesso di lei: ma come interpretarlo: di orrore o di pietà?

Ed egli si riabbandonò sulla terra, con l’impressione di aversi scavato da sè una buca profonda e di non poterne uscire mai più.



Eppure non si pentiva di aver parlato: gli pareva di essersi tolto una maschera, anche davanti a sè stesso, e di potersi finalmente stendere nudo nel suo dolore.

Ed ecco che anche lei lo richiamava, con la stessa pietà, con lo stesso amore disperato col quale un tempo chiamava l’altro.

— Cristiano?

Egli sollevò gli occhi, incontrò quelli di