Pagina:Deledda - Il segreto dell'uomo solitario, 1921.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 48 —


sia grave, ma perchè si è così lontani, così isolati!

— E non lo aveva veduto prima? — egli brontolò, cercando dove uscire.

— Sì, ma il luogo è così bello! — ella disse, come per scusarsi, per ammansirlo.

— Vuol passare di qui?

Lo accompagnò fino all’ingresso, gli aprì la porta: ed egli salutò ad occhi bassi, poi se ne andò calcandosi forte il cappello sul capo e avviandosi al paese.


Solo dopo un tratto di strada ricordò che era uscito di casa con l’intenzione di tornarvi subito: tanto che aveva lasciato il cancello aperto.

Eppure non tornò.

La strada gli si svolgeva davanti come un largo nastro di colore carnicino, fra due bordi di cespugli verdi, sopra uno dei quali — quello a destra — scintillava l’azzurro del mare; ed egli aveva l’impressione che fosse quel nastro a trascinarlo, ritirandosi davanti a lui, tanto che non sentiva di camminare.

Arrivato allo svolto si guardò indietro: laggiù il gruppo d’alberi che circondava la