Pagina:Deledda - Il segreto dell'uomo solitario, 1921.djvu/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 61 —

Ritornarono davanti alla casetta: rassicurato dall’indifferenza di lei, ma sopratutto dalla sua, egli la invitò ad entrare.

Ed ella entrò, senza diffidenza, anzi con una semplicità quasi ostentata, badando solo a carezzare il gatto che sonnecchiava sullo spigolo della tavola.

— Non si guarda attorno per non mortificarmi, — pensò Cristiano. Ma lui non si mortificava, no: non aveva vergogna della sua casa povera, lui: solo gli pareva che la donna osservasse con pietà il tappeto di tela cerata.

Ella, invece, gl’invidiava il gatto.

— Com’è bello! Sembra un ermellino: conforta il toccarlo! Da noi non è possibile tenere dei gatti perchè il cane li strozza tutti: non per crudeltà ma per gelosia. Ho provato a fargliene vedere uno appena nato, con gli occhi ancora chiusi: lo accolse più ferocemente degli altri.

— Ma si accomodi, signora....

Egli non sapeva ancora il nome di lei.

— Sarina, — ella disse con dolcezza: e sedette accanto alla tavola, con la mano sulla schiena inarcata del gatto, continuando a parlare del suo cane.