Pagina:Deledda - Il sigillo d'amore, 1926.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Biglietto per conferenza 123

anche il marito respirò. Aveva temuto di peggio, tanto che, sotto quella sottile pioggia di parole non s’era deciso ad accendere la pipa come si trovasse sotto una pioggia vera: però, conoscendo anche lui a fondo la sua donnina, presentì subito qualche birbonata di lei.

— Comprati pure il vestito, — disse con la sua solita voce calma e sonora; — ma adesso lasciami fumare in pace.

Questa sua subita e insolita condiscendenza turbò la moglie, anzi le destò un senso di scrupolo. Le venne il desiderio di rivelare il suo segreto: ma pensò che c’era tempo a farlo, anche per mantenere il suo prestigio presso il povero Marchini.


*


Che il povero Marchini sospettasse però di qualche cosa, ella se ne accorse subito, perchè egli le domandò se era uscita, chi aveva veduto, se aveva ricevuto posta; poi quando si trattò di comprare il vestito volle accompagnarla, con la solita scusa che lei non doveva andare in giro con molti denari in tasca perchè già due volte era stata borseggiata.

Il vestito lo scelse lei, con questo interno ragionamento: qui, cara amica, bisogna essere