Pagina:Deledda - Il sigillo d'amore, 1926.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
72 il sigillo d'amore

a tempo a negare: però si affrettava: chiuse le persiane, tornò nell’ingresso buio.

Ma mentre sta per aprire la porta, questa, come nei sogni, si spalanca da sè, e nel vano grigio appare la piccola figura del vecchio.

— Buon giorno, buon giorno, — dice lei, untuosa e vibrante. — Ho finito e vado.

— Aspettate un momento, ho dimenticato una cosa — egli dice, lasciando la porta aperta. E va di là, nella camera, e apre il cassetto.


*


Da quel momento, come tutti i delinquenti dicono per scusarsi, ella perde la propria coscienza. Fuggire? La prenderanno per le scale. Negare: non le resta che negare: ma il vecchio la investe, le salta addosso come un gatto arrabbiato, grida con la sua piccola voce che vuole denunziarla, che chiamerà gente se lei non restituisce subito i denari. Lei tace, si lascia spingere e stringere; ma d’un tratto chiude con un calcio la porta e a sua volta soverchia l’uomo, gli afferra il collo con le sue mani che il lavoro millenario suo e dei suoi avi ha mantenuto gigantesche, e glielo torce come quello di una gallina.