Pagina:Deledda - Il vecchio della montagna, 1920.djvu/89

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 75 —

— è troppo presto per il vino. Cosa volete, buon vecchio? un po’ di caffè? liquore?

— Liquore, — rispose per lui Basilio.

E Paska servì la menta, versandola lentamente nei calici rosei fioriti d’oro. Mentre zio Pietro sorbiva a poco a poco il liquore, Basilio vuotò avidamente in un sorso il suo calice, arrovesciando la testa all’indietro, chiudendo gli occhi per l’intenso godimento. Che frescura e che dolcezza sul palato e sulla lingua! Che cosa buona, Dio mio! Aveva l’irritante voluttà del vento di primavera e del profumo intorno alla fontana!

Basilio avrebbe voluto battersi un pugno sul petto per il piacere; ma rimesso appena il calice sul vassoio di cristallo, sentì tutta la bocca ardergli, come una volta che aveva masticato pepe, e arrossì e fece una smorfia.

A un tratto apparvero la gracile figura di Efisio e il musetto del cagnolino. Questo abbaiò e non volle entrare; il ragazzetto spalancò gli occhi, e andò a porsi silenzioso accanto al padre.

Basilio ebbe paura del visetto pallido e dei piccoli occhi che lo fissavano con odio.