Pagina:Deledda - L'ospite, Cappelli, 1898.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

due miracoli 117


avversa al suo partito1, di cui essa, nella sua qualità di donna energica, ricca e potente, formava una delle colonne principali, — acuminava la sua disperata angoscia.

Sul suo viso bianco e stirato, nei suoi occhi violacei, profondamente incassati, di una severità spaventosa, sulle sue labbra sottili e pallide non appariva mai una increspatura di dolore, e neppure di amarezza, per cui si diceva:

— Zia Batòra è una donna forte, e le disgrazie non l’atterrano.

Ma il suo cuore era tutto rosicchiato, tutto a brandelli, e i suoi occhi non avevano più lacrime. Viveva di rancore, di odio e di preghiera. Più di una volta, allorché le giungevano, acute come stoccate, le voci irrisorie dei nemici e degli amici, era stata tentata di mandar due uomini o uno solo, per dare una fucilata a Peppe Nieglia, il marito di Sadurra, ma la sua profonda fede religiosa l’aveva sempre salvata dal commettere un delitto.

  1. Quasi tutti i villaggi sardi erano sino a pochi anni fa, — e taluni ancora, — dilaniati da partiti ed inimicizie, di cui le donne pigliavan gran parte.