Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


lei non capisce ch’io sono qui un po’ sperduto; mi sento ancora come il giorno che è morta la mamma e mi pareva di essere solo in un deserto. Per questo, anche; ho lasciato la solitudine, lassú, e sono sceso nel mondo in cerca di compagnia. La fortuna m’ha assistito? Ancora non lo so: ha ragione lei, bisogna prima valutare bene le cose; ma io non vado in cerca di fortuna, vado in cerca di amore, di tenerezza, di solidarietà umana. Lei è intelligente e deve intendermi.

Ella s’irrigidiva sempre piú, con gli occhi nascosti, ed egli provò un senso di disperazione: di nuovo pensò: «Sa tutto, e crede ch’io reciti una commedia.» E di nuovo disse a sé stesso: «Taci e opera.» Solo domandò: — Posso dunque chiederle una risposta definitiva?

— Se crede, da domani può venire a visitare qui mia nipote: io non ho nulla di contrario perché la loro volontà sia fatta; però, le ripeto, pensi bene a quanto sta per fare.

Egli ebbe desiderio di chiederle subito