Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/172

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


risposto a una sua lettera, non alle mie ultime cartoline: piú nulla, piú nulla.

Ella parlava con voce monotona, senza rancore né tristezza, ma con l’accento opaco di chi è rassegnato a tutto. E l’altra la guardava con un istinto di gioia perversa: quella sposa bella ed elegante, già coperta di un precoce mantello di pelliccia dorata, non era felice.

— Aspettavo di giorno in giorno il vostro ritorno, — disse, pacatamente. — Ogni tua cartolina lo annunziava. Sono stata poco bene anch’io; non sono piú uscita, non ho piú veduto nessuno: cosa dovevo scrivervi?

— Potevi offrirci ospitalità, per questi pochi giorni, — riprese l’altra senza badare al peso delle sue parole. — All’albergo si spende enormemente, e si sta male. Tutti questi giorni, poi, Giovanni è come fuori di sé per l’arredamento della casa. Ha visitato, credo, tutti i magazzini di mobili e tutti gli antiquari. Oggi ha comprato dieci cuscini ricamati e dipinti, e me li ha portati tutti in camera. Mi è parso di soffocare. Ha comprato anche quadri di valore.