Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/181

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


S’interruppe, corrugando le fini sopracciglia che divennero irte. La preoccupazione le induriva il viso, come per lo sforzo fisico di respingere qualcuno che volesse farle male.

— Però?... — interrogò l’altra, piegandosi e sporgendosi con un istinto di umanità piú forte del suo duro volere.

— Non mi dispiace di avere quell’altra casa, che infine è la nostra vera casa. È triste, sai, ma bella. E laggiú spero di andare a partorire. Ci verrai?

«No, non ci verrai, lo so già, — disse senza aspettare la risposta. — Eppure sarà il momento di dimenticare tutto.

«Io ho paura di morire, — riprese ancora, rassegnata e quasi contenta di parlare lei sola, come uno strumento che suona una musica senza accompagnamento, e tutto esaurisce, domanda e risposta. — Dicono che questa paura l’hanno tutte le donne alla loro prima gravidanza; ma credo che nelle altre sia solo una paura fisica, mentre io la sento nel profondo dell’anima. E se io morrò e la creatura resterà viva sarà forse