Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 10 —


L’uomo la seguiva, alquanto di lontano, e senza volerlo camminava anche lui lieve, quasi cercando di non far rumore perchè lei non se ne avvedesse; ma sentiva ch’ella sapeva bene di questo inseguimento e se ne compiaceva, e che, lui volendo, non sarebbe più andata dove intendeva andare prima d’incontrarlo, ma in qualche luogo dove incontrarsi ancora: poichè la proprietaria di terreni e l’uomo che vuole tentare una speculazione erano scomparsi, e rimanevano solo la donna che cammina lieta di sè e della sua bellezza nelle vie del mondo, e il maschio che la insegue.

La strada si allargava; dilagò in una piazza donde parve sfuggire da tutte le parti in altre strade felici di ville, di giardini, di sfondi d’azzurro e d’argento; proseguì, più in là affogata da grandi palazzi e pur tuttavia ancora deserta, ancora tut-