Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/206

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


— Come sta la signora?

— Sta bene, — disse la vecchia con una voce senza suono, salendo la scala rasente al muro, dietro la donna. E non parve disposta a dire altro.

I passi, sebbene lievi, risonavano nel grande silenzio chiaro della scala che svolgeva con una certa dignità i suoi poveri scalini consunti e dissanguati, e arrivata alla finestra dava l’impressione della scala di un faro, tanto il mare era lí sotto e il cielo lí sopra, d’uno stesso azzurro intenso, quasi palpabile. Sul primo pianerottolo s’apriva un lungo corridoio, tutto usci e finestroni; e di là scaturiva quel profumo d’incenso che penetrava l’aria. La vecchia, tirando dritto sul secondo rampante, spiegò l’arcano:

— Ci stanno le monache.

Il secondo pianerottolo era eguale al primo: solo il corridoio sfilava via piú stretto, con piccole finestre rotonde come feritoie e il pavimento rotto che pareva pestato dal passaggio di soldati: e la vecchia spiegò,