Pagina:Deledda - La fuga in Egitto, 1926.djvu/231

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 225 —

Gesuino, guardando tragicamente in su. E il maestro sorrise, ma per poco, poichè l’altro domandò con ingenuità brutale: — dove la farà partorire?

— Gesù è nato in una stalla. Provvederà Iddio. Gesuino si fece pavonazzo in viso e fin sulla nuca: brontolò:

— Dio.... Dio.... — poi parve cambiare discorso: — sua nuora mi disse che il marito è fuori fin dalla scorsa settimana, per affari, ecco perchè non si è lasciato vedere.

— Non importa. E ditemi, Gesuino, è lei che vi ha consigliato di far allontanare Ornella?

— Ma se le dico che quella non sa o finge di non sapere niente? Eppure tutti lo sanno, — aggiunse con impazienza; e ancora colpito dal pensiero di un possibile colloquio fra Proto e Ornella, andò a guardare fuori della porta.

— E lasciate correre, — insistè il maestro: — tanto un giorno o l’altro si sposeranno: che ne dite voi? Acconsentite?

— Faccia Dio quello che vuole, — disse il contadino, tornando indietro rassegnato.

Allora il maestro espresse il pensiero già appena accennato da Gesuino.

— Dio, Dio, sì, va bene, ma noi carichiamo su Dio tutte le responsabilità che possono darci fastidio.

Deledda. La fuga in Egitto. 15