Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/274

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
272 la via del male


Sabina chinò gli occhi: ora davvero graziosa, col viso arrossato dall’aria fredda, con l’anfora sulla testa e la tunica avvolta intorno alla persona snella.

— Che vuoi che ti dica? Non ho già promesso di... volerti bene?

— Non basta. Sabina. Bisogna che tu prometta di esser mia moglie.

— Ebbene, te lo prometto...

— Sabina, senti. Ciò non mi basta ancora. Bisogna che tu me lo prometta davanti all’altare: ecco perchè ti ho dato appuntamento qui: mi son fatto dare la chiave della chiesa. Eccola...

Sabina si scolori lievemente in viso; mille pensieri le attraversarono in un attimo la mente. La cerimonia proposta da Giuseppe è, per il popolino nuorese, valida quasi quanto il matrimonio: orribili sventure castigano lo spergiuro.

— Lasciami pensare un momento, — disse Sabina, passandosi una mano sulla fronte. — Va ed apri la chiesa, intanto...

— Ah, tu dunque acconsenti?...

— Va, ti dico.

Egli s’avvicinò alla porta: Sabina depose l’anfora per terra e guardò se si vedeva gente nella strada. Nessuno; solo il cavallino rosso, immobile e paziente, aspettava il suo padrone. L’aurora disegnava già i suoi archi rosei dietro la chiesetta solitaria.

La fanciulla raggiunse il fidanzato e con lui penetrò nella povera chiesetta grigia. Giuseppe si levò