Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/290

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
288 la via del male


— Mia moglie non ha bisogno di raschiare scorza, — rispose il contadino. — Tuttavia, vedremo... Glielo dirò.

— Eccola là: domandaglielo subito, perchè mi occorre sapere il numero delle persone che vogliono andare alla lavorazione.

Sabina, infatti, con una bambina fra le braccia, guardava «su pinnòne» e chiacchierava con altre donnicciuole.

Senza preoccuparsi delle proteste e dei fischi, l’uomo magro saliva, saliva sull’albero; ancora uno slancio ed eccolo arrivato. Per un momento la folla ansiosa tacque; il sole scomparve; il cerchio si fermò.

— Bravo! — gridò l’Antine, agitando il braccio verso il vincitore, che era arrivato a toccare il cerchio e ne aveva strappato la borsa.

Per reazione, allora, tutti applaudirono: l’uomo scivolò giù, tirandosi dietro il cerchio, e arrivato a terra, nonostante le proteste, gli spintoni, le grida dei ragazzacci che volevano esaminargli i piedi, strappò i fazzoletti, i formaggelli, le scarpe, fece di tutto un fagotto e se ne andò.

L’Antine, seguito da Giuseppe Pera, s’avvicinò a Pietro e lo guardò sorridendo.

— Hai veduto? — gli disse con intenzione. Così si fa!

Pietro scosse la testa col suo gesto sdegnoso. «Così si fa!» Lo sapeva. Le sue labbra, ancora ardenti dei baci di Maria, sorridevano; i suoi occhi scintillavano di gioia.