Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
38 la via del male

geremo appena saremo arrivati. E domani, via ancora! Intanto, andiamo: sta buono.

Il cane guaì più forte, sollevò le orecchie, un po’ confortato.

Non era la prima volta che servo e cane discorrevano, ciascuno a modo suo, e si capivano. Spesso Pietro gli diceva:

— Che differenza c’è fra me e te? Nessuna. Soltanto, io sono un cane che parla.

Quella sera, poi, egli aggiunse, fra sè:

— Arrivare, mangiare, ripartire, guardare la roba altrui: io e Malafede siamo nati per questo. Nessuno pretende altro da noi. Chi ci vuol bene? Nessuno. Se Malavide ha un’avventura amorosa, un momento dopo non se ne ricorda più; s’io vado dalla moglie del bettoliere toscano, il giorno dopo incontrandola non la guardo neanche in faccia, ed ella fa altrettanto. Cane e servo, servo e cane: è lo stesso.

A un tratto, vicino alla fonte sotto lo stradale, Rosa spinosa prese un ciottolo e lo lanciò sulla schiena del cane.

Malafede abbaiò dolorosamente, si mise a correre in avanti, poi si fermò e tentò leccarsi la ferita.

Pietro si fermò, si volse, cogli occhi lucenti d’ira.

— Chi è stato? — gridò.

— Io, — rispose la ragazza, spavalda.

— Ah. tu. Sciocca! prova ad avvicinarti e t’aggiusterò io la testa: ti farò schizzar l’acqua dal cervello.