Pagina:Deledda - Le tentazioni.djvu/255

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

nel regno della pietra 249


le dita, dicendo: — Io tagliapietre, io taglialegna, io falegname, io cacciatore, io tutto! E vivo bene, sapete, zio Sidru, vivo bene.

Zio Sidru, taceva; Sidra divorava con gli occhi il giovinotto. Ad un tratto egli si volse a guardarla con quel suo sguardo metallico che la fece arrossire, e sempre rivolgendo la parola al pastore; disse:

— Vivo bene, non mi manca che una moglie. Volete darmi vostra figlia, zio Sidru?

— Matto! — diss’ella ridendo.

Zio Sidru neanche sorrise.

— Come, non rispondete? Non me la date? Se non me la date me la prendo.

— Matto! matto! — ella rideva deliziosamente. Il padre la guardava severo; poi disse:

— Boele1 cacciatore, se vuoi rimaner con noi a pigliar un boccone in santa pace, sia: altrimenti va al diavolo.

— Come? Lo vedete il vecchio avvoltoio che non vuole? Non vuole? Io credo che vorrà.

Zio Sidru guardava sempre severamente

  1. Raffaele.