Pagina:Deledda - Le tentazioni.djvu/256

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
250 g. deledda


sua figlia: ella se ne accorse e disse al giovine:

— Finitela dunque. Se volete restar a cena con noi, bene, altrimenti fate come volete.

Boele restò a cena e bevette senza scrupoli quasi tutto il vino di zio Sidru, poi se n’andò.

Padre e figlia rimasero soli, e Sidra si dava intorno a far qualche cosa, turbata e imbarazzata.

— Ha parlato sul serio quel giovinastro? — chiese il pastore.

— Non so.

— Ti è venuto mai dietro?

— Mai.

Zio Sidru stette un po’ silenzioso, poi sputò sul fuoco, e disse:

— Bene, senti. Tu non sei più tanto giovine e vedi il bene ed il male. Io sono sopratutto prudente. Se lo vuoi piglialo, ma sappi che quello lì è un’immondezza, un pezzente. E tu sei ricca, e se sai aspettare il tuo stato non ti mancherà. Io lavoro da quarant’anni, vedi, ma non ho lavorato per un pezzente, per un cacciatore tagliapietre! Io quest’anno non ho venduto i porci perchè non troppo grassi e perchè,