Pagina:Della Nuova Istoria.djvu/418

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
68

una quasi certa vittoria, non teme, dove da ciò Pesi-> to della pugna dipenda, di commettere all’arbitrio della fortuna, odi distruggere eziandio que’ mezzi, che la prudenza teneva in discosto apparecchiali, per u na sicura, benchè infelice fuga, cosi l’esercito stesso sottoponendo alla necessità di vincere o di perire. Ma quanto più estremo è tal passo, ed ardito un tale consiglio, tanto più diligente, a ragione, vuoisi l’opera e lo studio che guidi al prospero riuscimento dell’impresa. I Romani dopo l’incendio della flotta, ornai più non potevano che di due cose Tuna$ o conquistare l’ostile terreno, o in esso miseramente perire ^ perciocchè nel loro ingresso nella Persia,.avendo distrutto e posto a sacco con le messi ogni altra cosa, vano dìvisamento sarebbe stato in presente il voler ritornare nelle proprie orme. L’Assiria mediterranea offerto avrebbe loro nn ricco terreno dove vettovagliare, ma l’ignoranza de’ luoghi, malagevole a intendersi dopo che i loro avi visitato aveano da si remoti tempi quella contrada, e la imprudente fiducia riposta da Giuliano su alcuni disertori del campo nemico, a’ quali affidò la propria marcia, fatti avendoli inoltrare in un deserto e montuoso terreno, ben presto li costrinse a ritornar lungo i fiumi, dov’essere ancora spettatori di quell’incendio che in breve trarre doveali ad ogni più estrema calamità.

L’ebbrezza della prospera fortuna, che condotto avea sin qui Giuliano a rifiutare ostinatamente ogni onorevole condizione di pace, sembra altresì che il traesse a far poco conveniente stima de’ funesti effetti, di che doveva essere feconda quella guisa di guerra che dal