Pagina:Della Nuova Istoria.djvu/434

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
84

Non vi mancano tra’ primi con Saturno e con Giove, nè il salso Sileno, nè il giovinetto Dionisio delle grazie padre, e del riso e degli scherzi amatore, e con Cesare, e Augusto, e Marco, e Trajano v’accorrono tra i secondi i Tiberj, i Neroni, i Claudj, i Vitellj e l’altra imperiai moltitudine. Le strane forme in che questa appare, ed i diversi costumi di cui è composta, destano l’umore allegro di Bacco, e quello satirico del capripede vecchio, mordacissimo Iddio che addenta e rode i convitati, e rivelando le interne lor colpe, secondo il proprio istituto scherzando ammaestra, sino a che per comando di Giove, e di lui degno, ordinalo viene che colle norme degli olimpici agoni, un certame d’onore istituir debbasi tra i reali convitati, onde a conoscer s’abbia, ed a premiar degnamente chi fosse per essere giudicato per virtù sopra gli altri commendevole. Udita la voce del celeste araldo Mercurio, che dichiara aperto l’arringo, vi giungono essi l’un dopo l’altro da Cesare sino a Costantino, perorano la loro causa, e la divina Nemesi assegna ad essi le ricompense o i castighi che meritaronsi in vita; ma come a celesti giudicanti convenivasi, più solleciti dell’interno e morale valore, che dell’ambizioso e guerriero, il bellissimo dei premj, la suprema corona della virtù, sembra essere riserbata alla benefica ed operosa sapienza di Marco. È difficile cosa affermare se più in questo componimento abbia parte una gentile fantasia, ed un sano gusto nell’immaginare il quadro, variarlo, scolpire con rapidi colpi tanti diversi caratteri, e disporne in guisa l’ordinanza che vi dominino i più cospicui, c non usurpino