Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/350

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
340 la tabernaria


Spagnolo. ¡À don Cardon de Cardona, palos! ¡á mi, palos! Voto a Dios, que yo os mataré y a todo el mundo, que despoblaré todo el infierno.

Cappio. ¡Don Ladron de Ladroni, toma esto!

Spagnolo. Espera un poco aqui que yo tome mi espada y la capa, que con ella castigaré mis agravios.

Cappio. Ma par che veggio il padron che torna da Posilipo; anzi non piú mi pare, perché è desso. Povero me, perché non vado ad impiccarmi? Lo scampo stesso non basteria a scamparmi dalle sue mani. Padron, ecco il vostro padre; entrate dentro e non vi fate vedere, ché io rimediarò al tutto: lasciate cosí ogni cosa e attendete a quel che dico.

SCENA III.

Giacoco, Cappio.

Giacoco. Sia ringraziato lo Cielo ca me veo a la casa mia! Quanno arrivai a Posilipo, appena m’avea ciancoliati quattro muorzi, quanno scappa Dio e fa buon iuorno, ca sento gridar «turchi! turchi!». Chilli strilli me fecero scorreiare e chilli quattro muorzi me deventaro tosseco. L’uocchio dello bifaro me se fece tantillo, e le nateche me facevano lappe lappe; ca se m’arrivavano, me ne sorchiavano commo n’uovo friscu. In concrusione, me arronchio commo a còtena, subito tocca ca se fa notte, me pongo le gambe ncuoilo e me ne bróciolo a Napole, che ancora le gambe me fanno iacovo iacovo; lo filatorio ca avea ncuorpo m’ha fatto correre commo avesse cursito allo pallio, e io ca fuieva e ca dicea a lettere de marzapane: — Iacocos votu facere e gratia recepere! — O casa mia bella! ma sto tanto sorriésseto ca me pare na taverna. O quante sausiccie, fecatelli, scartapelle e raarcangegne! me fanno cannagola e stare a cannapierto.

Cappio. Bone vecchie, volere alloggiare a nostre ostelerie, ca te faremo scazzare?

Giacoco. Ste vrache salate! io non aggio voglia de bevere nè de mangiare. Sto mirando se chesta è la casa mia.