Pagina:Della congiura di Catilina.djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
36 c. sallustio crispo

la passata lor vita dalle presenti scelleratezze discorda. La dignità vi trattenga di Lentulo, cui nè pudore, nè propria fama trattennero, nè uomini finora, nè Dei: trattengavi la giovinezza di Cetego, che già un’altra volta contro la patria l’armi portava. Di Gabinio, Statilio, e Cepario, non parlo: che se ritegno alcuno conosciuto s’avessero, congiurato mai non avrebbero. Se voi in somma poteste, o Padri Coscritti, con lieve danno errare, io soffrirei di buon grado che a vostre spese imparaste, poichè gli altrui detti in non cale tenete. Ma noi siamo oramai circondati: ci sta coll’esercito Catilina alle fauci; altri nel seno della città al par di lui ci minacciano; nè provvedere noi, nè preparar cosa alcuna occultamente potendo, tanto più affrettarci dobbiamo. Dico perciò: che pel nefando disegno di questi empj cittadini, correndo la Repubblica manifesto e grave pericolo; che essendo essi, da Volturcio e dagli Allobrogi, accusati e convinti d’aver macchinato strage, incendj, crudele eccidio ed infame de’ cittadini e della patria; costoro, come evidentemente rei di capitale delitto, secondo l’uso antico punire si debban di morte. »


LIII.


Sedutosi Catone, i Consolari tutti, e dei Senatori i più, il di lui parere e l’alto valor commendando, l’un altro di codardo si tacciano; Catone solo, come chiaro e fort’uomo, innalzano a cielo: il Senato in somma decreta ciò che opinato aveva Catone. Più volte, leggendo io e ascoltando le chiare imprese de’ Romani interne ed esterne, per mare e per terra condotte; di una tanta grandezza mi piacque indagar le cagioni. Sapeva ben io, da pochissimi Romani più volte essere state sconfitte le intere legioni nemiche: note mi eran le guerre, con picciole forze contro a potenti Re maneggiate; e spesso anco dai nostri provata l’avversa fortuna; superati inoltre noi, nella eloquenza, dai Greci; nella gloria militare, dai Galli. E queste cose tutte fra me rivolgendo, io per certo teneva la sola egregia virtù di alcuni sommi cittadini aver fatto i poveri trionfare dei ricchi, e i pochi dei molti. Corrotta poi Roma dal lusso, e dalla infingardaggine, non ostante i vizj de’ magistrati e de’ capitani, per la immensa sua mole la Repubblica stavasi: ma, come di sublimi parti spossata, non produceva più allora quasi niun uomo grande. A memoria mia non ostante, due ve n’ebbe di gran vaglia, e d’indole dissimili assai: Marco Catone, e Cajo Cesare; d’ambo i quali, opportuno qui essendo, m’è avviso ritrarre, per quanto il saprò, la natura e i costumi.