Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 1.djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ALLA GEOGRAFIA DI STRABONE 25

sua, le descrisse per averle vedute egli stesso, ovvero uditele da altri vantolle sue proprie? Questo dubbio fu diversamente sciolto fra gli antichi, come fra i moderni. E fra questi e quelli opinarono alcuni, aver oltrepassato Pitea il promontorio sacro (143), ed essersi avanzato alle isole britanniche, e più innanzi ancora fino alla Tule; e per lo contrario altri negarono, come ho già detto, e il viaggio di Pilea, e Pitea stesso quale impudentissimo bugiardo ardirono convincere. Ma perchè è mio intendimento esporre soltanto brevemente quali fossero i geografi a Strabone anteriori, e non già il dare una diligente istoria dell’antica geografia, chiunque desidera più piena notizia intorno a Pitea volgasi agli scritti de’ moderni (i44)j dai quali potrá egli da per sè stesso giudicare se deggia favorire o l’una parte o l’altra, o ciò ch’è più sicuro, distare da entrambe.

Se a taluni incerta parve l’età in cui visse Pitea, vieppiù oscuro è il quando visse il marsigliese Eutimene, e s’egli o anteriore o posterior sia del suo concittadino Pitea. Non so d’onde taluni congetturassero che ei fosse contemporaneo di Pitea (145). Questo solo è certo, che si annovera da Marciano nel catalogo dei geografi, e (146) Plutarco una sola volta il nomina fra i fisici che indagarono le cagioni dell’escrescenza del Nilo (147). Clemente alessandrino (148) rammenta anche un’istoria di Eulimene col titolo di Croniche, ma non è chiaro se ella attribuire si deggia a quel marsigliese, ovvero ad altrui che portasse l’ugual nome d’Eutimene.

Sin qui la geografia, se tu eccettui alcune poche astronomiche osservazioni di Pitea, limitavasi unica-