Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 2.djvu/297

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro secondo 283

zacii fino a Cartagine, la quale ha un gran territorio, a cui sono contigue alcune nomadi popolazioni. Fra queste si conoscono massimamente i Massili e i Massesili; e ultimi di tutti sono i Maurosii. Tutto il paese poi da Cartagine fino alle colonne è felice; ma nondimeno produce bestie feroci al pari delle province interiori: nè sarebbe irragionevole il dire che alcune di quelle genti furono chiamate nomadi, perché la gran moltitudine delle fiere impedivali anticamente dal coltivare la terra. Ma nella nostra età que’popoli, in parte per la loro perizia della caccia, in parte col favor dei Romani che danno opera alle teriomachie1, sanno e vincere le fiere e coltivare la terra.

Queste cose intorno ai continenti siano dette.


CAPO V.

Dei Climi.


Restaci da parlare dei Climi2: ed anche in questo può farsi una generale descrizione, qualora si cominci da quelle linee che denominammo elementi: voglio dire da quelle che determinano la lunghezza e la larghezza maggiore; ma da quest’ultima principalmente.

  1. Combattimenti di fiere.
  2. I climi in geografia sono strisce o zone del globo della terra parallele all’equatore, determinate con questa norma, che sotto i cerchj onde sono limitati dalla parte del nord il giorno solstiziale dura una mezz’ora più che sotto i cerchj del sud.