Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 2.djvu/371

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro terzo 357

sempre, abbia d’uopo di provvedimenti. Trovansi oltre di ciò in quel paese anche procuratori di Cesare, uomini dell’ordine equestre, i quali dispensano ai soldati le cose necessarie alla sussistenza.

CAPO V.


Isole adiacenti all’Iberia. — Costumi dei loro abitanti — Dell’isola di Gadi; suo commercio. — Ricchezza de’ suoi ahitanti — Antiche tradizioni sulla fondazione di Gadi. — Fontana singolare in Gadi — Esame delle cagioni del flusso e riflusso del mare, e degli straripamenti del fiume Ibero. — Descrizione di alcuni alberi dell’Iberia. — Isole Cassiteridi e loro abitanti.

Fra le isole adiacenti all’Iberia, le due Pitiuse e le due Gimnesie (le chiamano anche Baleari) trovansi presso alla spiaggia che stendesi da Tarragona al Sucrone, e sulla quale è fabbricata Sagunto1. Ma le Pitiuse sono più addentro nel mare e più delle Gimnesie inclinate al settentrione: e l’una chiamasi Ebuso2 con una città dello stesso nome; e la sua periferia è di trecento stadii, lunga quasi altrettanto che larga. L’altra è detta Ofiusa, deserta e molto minore della prima, alla quale è vicinissima. Delle Gimnesie poi la maggiore3 ha due città, Palma e Pollenzia; questa situata all’oriente, l’altra al ponente. La lunghezza di tutta l’isola è di quasi seicento stadii; la larghezza di circa duecento,

  1. Morviedro.
  2. Ivica.
  3. L’isola Maiorica.