Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 2.djvu/412

Da Wikisource.
398 della geografia di strabone

nulla a magistrati spediti da Roma. Ed è situata questa città lungo la strada cbe dall’Iberia conduce in Italia; la quale di state è comoda, ma nell’iuvern» e nella primavera suol essere fangosa e inondata da fiumi, alcuni dei quali tragittansi sopra barche,* alcuni invece sopra ponti fatti di legno o di pietre. E queste difficoltà provenienti dall’acque sono causate da torrenti, i quali continuano qualche volta a discorrer dalle Alpi Gn Della state a cagione delle nevi che si liquefauno. In quanto alla strada già mentovata, un ramo va diritto ( come dicemmo ) alle Alpi attraversando i Voconzii; e questo è il più breve, l’altro che segue la spiaggia marsigliese e ligustica è più lungo, ma offerisce più facili passaggi in Italia, divenendo quivi più basse le montague frapposte. Nemauso poi è lontana dal Rodano circa ceuto stadii, considerando quel punttf d’colai fiume dove sull’opposta riva trovasi la piccola città di Tarascona; e da Narbona è distante settecento venti. Toccano il monte Cemmeno, e ne occupano anche il fianco meridionale fino alle sue estremili, i Vo!ci denominali Tettosagi con alcuni altri popoli. Ma di qu’.sti parleremo altrove. I Tettosagi abitano in vicinanza de’ monti Pirenei, toccando alcun poco anche il fianco settentrionale del monte Cemmeno1, ed hauno un paese abbondevole d’oro. Congetturasi che un tempo essi fossero potenu e numerasi per modo che, venuti a sedi-

  1. Cioè il lato settentrionale delle Cevenne tra Lodève e Tolosa. Bisogna ricordarsi (dice il Gossellin) cbe secondo Strabone le Ccvenne andavano dall’ouest all’est.