Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 2.djvu/445

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro quarto 431



CAPO VI.


Descrizione delle Alpi e dei popoli dai quali sono abitate. — Animali che vivono nelle Alpi. — Strada che va dall’Italia nella Gallia transalpina passando per le Alpi. — Miniere d’oro presso i Taurisci — Norici. — Estensione ed altezza delle Alpi.


Dopo della Celtica posta al di là delle Alpi, e dopo le nazioni ond’essa è occupata vuolsi parlare delle Alpi stesse e dei popoli che le abitano; e poscia di tutta quanta l’Italia: conservando così nella descrizione quell’ordine stesso che somministra la natura del paese.

Le Alpi adunque cominciano non già dal porto di Monaco siccome dicono alcuni, ma sibbene da quei medesimi luoghi dai quali han principio anche i monti Apennini presso Genova, emporio dei Liguri, e dalle maree dette Vada Sabatia1. Perocchè l’Apennino comincia da Genova, e le Alpi dai Sabazii; e fra Genova e questi ultimi v’hanno circa due cento sessanta stadii. A trecento settanta stadii da queste maree trovasi la piccola città di Albingauno2, i cui abitanti sono denominati Liguri Albingauni: e da questa cittadella al porto di Monaco v’hanno quattrocento ottanta stadii. Nello spazio frapposto poi è l’ampia città detta Albium Intemelium3, co’ suoi abitanti nominati Intemelii.

  1. Savona.
  2. Albenga.
  3. Ventimiglia.