Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 3.djvu/95

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro quinto 87

le acque calde di quell’isola guariscano chi patisce di renella.

Anticamente Caprea1 ebbe due piccole città, ma appresso poi una sola. La possedettero un tempo i Napoletani; ma avendo perduto Pitecusa in guerra, Cesare Augusto la restituì loro per averne Caprea, della quale egli fece un suo privato possedimento, e l’ornò di edificii. Queste pertanto sono le città marittime dei Campani e le isole situate rimpetto a quella regione.

Nella parte mediterranea Capua è la metropoli, e veramente il capo, siccome indica l’etimologia del nome: perocchè le altre paragonate con questa ci direbbero cittadelle, tranne solo Teano Sidiceno, la quale è ragguardevole anch’essa. Capua è situata lungo la Via Appia, e così anche quelle altre che incontransi da Capua a Brentesio2, cioè Callateria, Caudio e Benevento. Verso Roma è fondato Casilino lungo il fiume Vulturno; dove essendo già assediati cinquecento quaranta Prenestini, poterono tanto resistere ad Annibale quando egli era più in fiore, che un topo fu venduto al prezzo di duecento dramme, e chi lo comperò visse, ma il venditore ne morì di fame: e vedendoli Annibale seminar rape presso alle mura, ammirò (com’era ben naturale) il loro grande animo, giacchè speravano di resistere tanto che le rape crescessero a maturanza. E

  1. L’Isola di Capri.
  2. Brindisi. Callateria poi risponde a Galazzo. Caudio è il famoso luogo delle Forche Caudine. E Benevento conserva tuttora il suo nome.