Pagina:Delle istorie di Erodoto (Tomo III).djvu/424

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


- 10 dodici mesi, II, 4; aaui della vita comune, settanta secondo Soloae, I, 32; anni di vita dei Persiani e defili Etìopi, III, 22, 23; computò dell’anno presso i Greci, I, 32; II, 4; presso gli Egizi, II, 4; e presso i Persiani. 111,90; anni quindicimila contati dagli Egiziani tra Bacco e il re Amasi, II, 145.

Ànopea, nome d’ una via e d’un monte presso le Termopile, VII, 216.

Antacel, pesci grossissimi del fiume Boristene, IV, 53.

Àntagora, padre di Egetoride, IX, 75.

Àntandro, città della Troade, occupata da Otane, V, 26; VII, 42.

Àntela, borgo presso le Termopile, VII, 176; quivi ò la sede degli Anfizioni, VII, 200.

Àntemnnta, borgo della Macedonia, offerto da Aminta per asilo ad Ippia, V, 94.

Àntleare, cittadino di Eleona, consiglia a Dorieo di fondare in Sicilia la città di Eraclea, V, 43.

Anticira, città della Tessaglia, VII, 198, 213.

Antldoro di Lemno, diserta da Serse al campo de’ Greci, VIII, II.

Antlfemo, capitano dei Lindi, VII, 153.

Autilla, città destinata a fornire con le sue rendite i calzari alla moglie del Satrapo di Egitto, II, 98.

Antioco di Eleusi, padre di Tisameno, IX, 33.

Antipatro di Taso, figlio di Orgi, spende in una cena per Serse quattrocento talenti, VII, 118.

Antro Corlclo, spelonca notissima, presso il Monte Parnaso, Vili, 36.

Api, innumerevoli nelle terre oltre l’istro, V, 10.

Api, Dio egizio, lo stesso che Epafo per i Greci, II, 153; III, 27; che sia, e come concepito. III, 28; feste degli E^ziani quando esso apparisce, III, 27; schernito e ferito da Cambise, III, 29; aula edificatagli da Psammetico, II, 153.

Apollo, per gli Egiziani è Oro, figlio di Osiride ( Bacco ) ed 1side, II, 144; è nascosto dalla nutrice Latona, per occultarlo agl’inseguimenti di Tifone, II, 156; suo oracolo, 11,83, suo tempio in Buto, II, 155, 156; fonte a lui dedicata nella Libia, IV, 158; secondo il racconto dei Frigi, egli sospese nel fòro di Celena la pelle del Sileno Marsia, VII, 26; in compagnia di Aristeo visita i soli Metapontini fra gl’Italioti, IV, 15; chiamato Etosiro dagli Sciti, IV, 59; Apollo Triopico, celebrato con giuochi dai Doriesi, I, 144; tempio ed oracolo di Apollo presso Aba, Vili, 39; Apollo Licio, I, 182; Apollo Didimo, suo tempio rubato ed arso dai Persiani, VI, 19; Apollo Ismenio, suo tempio in Tebe, donativi e tripodi consacratigli, I, 52, 92; V, 59-61; VIII, 134; Apollo Laconio, VI, 57; culto di Apollo in Sparta, VII, 57; sua statua ia Tornace di Laconia, I, 69; tempio dei Tebani ad Apollo Ptoo, VIII, 135; Apollo onorato da Creso, I, 90; invocato da Creso, estingue il fuoco del rogo acceso da lui, I, 87;