Pagina:Delle istorie di Erodoto (Tomo III).djvu/431

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

17

presso con esito dubbio. VIII, 9-11; secouda e terza battaglia di Artemisio. Vili, 14-17.

Artibio, capitano dei lersiani, combatte in Cipro, V, 108-112; cavallo istruito da lui adoperato, V, 111.

Arti fio, figlio di Artabano, VII, 66; germano di Àriomardo, VII, 67.

Àrtimpasa, nome di Venero celeste presso gli Sciti, IV, 59.

Àrtlnte, figlio d’Itamatre, condottiero dei Patti, VII, 67.

Artlsco, fiume della Sc12ia, IV, 92.

Artistone, figlia di Ciro e moglie di Dario, III, 88; VII. 69.

Àrtoome, genero di Dario, condottiero dei Frigi, VII, 73.

Àrtonte, padre di Bageo, III, 128.

Artonte, figlio di Mardonio, IX, 84.

Aabisti, popolo della Libia, IV, 170, 171; sono i primi fra i libi che sappiano ben governare le quadrighe, IV, 170.

Ancalona, città della Siria, I, 105; suo tempio di Venere Uraoia devastato dagli Sciti, ici.

Asehi. liquore fabbricato ed usato da una triitù di Sciti, IV, 23.

Asfalto del fiume Is, adoperato per cemento dai Babilonesi, I, 179; asfalto attinto da un pozzo nel territorio di Cissia, VI, 119.

Asia, moglie di Prometeo, IV, 45; Asia, re dei Lidi, ioi.

Asia, descritta e delimitata da Erodoto, IV, 36— 10; d’onde derivas.«e il suo nome, IV, 45; suo confine verso la Libia, II, 17; fatta esplorare in gran parte da Dario, per opera di Scilace cittadino Cariandese, IV, 44; dalla quale esplorazione risultò somigliante alla Libia, ici; non abitata oltre l’India, IV, 40; popoli diversi dell’Asia, V, 49; VII, tìl e seg.; Asia Minore tagliata in mezzo dal fiume Ali, I, 72; Asia Superiore dominata dagli Assiri, 1,95; dominata poi da Praorte re dei Medi, 1, 102; dopo i Medi, gli Sciti ottengono il dominio dell’Asia, I, 104, e di nuovo i Medi lo ricuperano, I, 106; e finalmente lo conseguono i Persiani, I, 130.

Asiailfl, borgata di Sardi, IV, 45..

Asiclii. re di Egitto dopo Micerino, II, 136; innalza i propilei orientali del tempio di Vulcano, ed una piramide di mattoni, in’: sua leggo dei debiti, ici.

Asinaio, fatto credere maliziosamente padre di Demarato, VI, 68, 69.

Asine, città del Peloponneso, VIII, 73.

Asini, perché portati seco in Biibilonia dai mercanti Armeni, l, 194; non si trovano punto nella Scizia, IV, 28, 129; asini della Libia, feroci e cornuti. IV, 191; asini dei Libi Nomadi non bevono mai, IV, 192; non possono sopportare l’inverno della Scizia, IV, 28.

Asmac, nome egiziano degli Àutomoli, e suo significato, II, 30.

Asenide, Egineta, capitano di naviglio, VII, 181.

Asopi, popolo io Beozia, IX, 15.