Pagina:Delle istorie di Erodoto (Tomo III).djvu/548

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


— 134 —

Slsamne, giudice regio, imputato di prevaricazioDe, ò fatto uccidere e scorticare dal re Cambise, V, 25; padre di Otaae, ùi.

Sisamne, figlio di idarne, comandante degli Ari neiresercito di Serse, VII, 65.

Slslmace, uno dei duci persiani periti nell’agguato teso loro dai Cari sulla via di Pedaso, V, 121.

Slslrna, specie di saio di pelle, VII, 67.

Sissltia, uno degli ordinamenti militari stabiliti da Licurgo, 1, 65.

altaica, figlio di Tereo, re dei Traci, IV, 80; VII, 137; s’accorda con Scila, pel cambio de’ loro fratelli fuggitivi, IV, 80.

Sltonla, paese, VII, 122.

Sfaf, citt& dell’ Egitto nel Nomo di Sai, luogo natale del re Amasi, II, 172.

Smeraldo fol^ldiBsimo, end’ è fatta una colonna del tempio di Ercole, in Tiro di Fenicia, II, 44; smeraldo dell’anello di Policrate, III, 41.

Smerdi, figlio di Ciro, è fatto uccidere dal fratello Cambise, III, 30, 62; la sua morte innocente è poi rimpianta dallo stesso Cambise, III, 64, 65.

Smerdi Ma^o, spacciandosi per Smerdi figlio di Ciro, si ribella a Cambise, ed usurpa il trono di Persia, III, 61-67; da Fedima è riconosciuto alle orecchie troncate. III, 68-69; da sette congiurati è ucciso insieme col fratello Patizite, III, 70-79.

Smerdomene, figlio di Otane, comandante nell’esercito di Serse, VII, 82, 121.

SmUa, città della Pallene, VII, 123.

Smlndlrlde, figlio d’Ippocrate, sibarita, uno dei proci della figlia di distene, VI, 127.

Smirne, colouia fondata dai Colofoni, I^ 16; e già una delle dodici città eoliclie, I, 149; ò assalita da Qige, I, 14; e presa da Allatto, I, 10.

Sofane, di Decelia, IX, 73; uccide in singolare combattimento Euribate di Egina, VI, 92; IX, 75; essendo solito di combattere con un’ancora di ferro, valorosamente pugnando, muore nella battaglia di Platea, IX, 74.

Sog^l, popolo dell’Asia, tributario di Dario, III, 93; come armati nell’esercito di Serse, VII, 66.

Sole, tenuto dai Massageti come loro signore, I, 212; ed al. sole fanno sacrifizi di cavalli, I, 216; VII, 114; è adorato con sacrifizi anche dai Per.siani, I, 131 (cf. VII, 40, 54); ed i Libi tntti quanti, IV, 188; tempio del Sole, il più insigoe dei templi di Egitto, II, 111; mensa del Sole in Etiopia, che cosa fosse, III, 17, 18; pecore consacrate al Sole in Apollonia, IX, 93; al sole cocente imprecano furibondi gli Àtaranti. IV, 184; dalle osservazioni del solo i Greci tolgono i presagi del futuro, secondo l’insegnamento dei Magi, VII, 37; Sole oriente, venerato dai Persiani, VII, 223; i Persiani arrecano a falli commessi contro ì\ So\e Y’\v\feTm\à. ^cv\tìtìvstQ%\,\,\s&’, ciclo