Pagina:Delle istorie di Erodoto (Tomo III).djvu/572

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


- 158

Fonte Stigia, dove fosse, e delle qualità attribuite dagli antichi alle sue acque, VI, 13.

Formiche scavatrici di sabbia aurifera in India, III, 16.

G

Gamori, qual classe costituissero nella cittadinanza di Siracusa, VII, 32.

Gefirei, indagini sulla origine di essi e sulla derivazione del loro nome, V, 3.

Gerro, dispute dei moderni intorno a questo antico fiume della Scizia, IV, 10 (cf. 16).

Gimnopedie, festività spartana, VI, 7.

Giove Stratio, deità nazionale dei Carî, e suo sacello nella selva di Labranda, V, 25.

Giuramento, con qual rito facevasi presso gli Elleni, VI, 8.

Glauco di Chio, in che consistesse l’abilità di lui nell’arte di lavorare il ferro, e della gran fama a cui giunse, e della età in cui visse, I, 6.

Grifi,, popolo iperboreo, IV, 11.

I

Iapigia, sua estensione, da chi occupata, e d’onde traesse il suo nome, VII, 39.

Iberia, quanto paese comprendessero gli antichi sotto questa denominazione, I, 30.

Ilea, dove fosse questa regione, IV, 5.

Iloti, loro condizione e loro obblighi verso gli Spartani dominatori, VI, 14, 15.

Imera, se la vittoria di Imera accadesse veramente lo stesso giorno della vittoria di Salamina, VII, 36.

Ioni dell’Attica, e loro spartimento in quattro tribù, V, 9.

Ipani, testimonianze degli antichi intorno alle condizioni di questo fiume, e raffronti praticati dai moderni, IV, 15.

Iperborei, IV, 11.

Ippagreti, a quale ufficio nominati dagli Efori di Sparta, VIII, 36.