Pagina:Diario del principe Agostino Chigi Albani I.djvu/173

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 165 — A. 1843 — 1844

la spesa di questa corona (che si dice ascendere a 5 in 6 cento scudi) si era aperta nei giorni scorsi una sottoscrizione, quale per altro non incontrò favore, e pochi o nessuno vi concorsero. Ritornata la Signora Cerrito alla sua abitazione in piazza di Spagna si affollò dinanzi alla medesima una turba numerosissima di contrario partito, che proruppe per lungo tempo in fischi ed ingiurie contro la medesima, in modo che i carabinieri dovettero sparare alcuni colpi di pistola all’aria, che dissiparono immediatamente l’attruppamento.



1844


GENNAIO


Lunedì 8. — Questa sera è stato messo in iscena a Tordinona il Nabucco del Maestro Verdi colla Sig. Schieroni-Nulli per prima donna, e per tenore Vergani; ed è stato piuttosto applaudito.


APRILE


Venerdì 19. — Circa le 23,30 è passato all’altra vita il Card. Pacca, Decano del S. Collegio, in età di 88 anni, dopo vari giorni di febbre, con affollamento di catarro al petto, sopraggiunto alla caduta, a cui soggiacque qualche tempo fa.


MAGGIO


Giovedì 2. — Sono eseguiti diversi arresti (pare per motivi politici), ma di nessuna persona di classe un poco elevata.

Sabato 11. — Ieri l’altro è stato arrestato e tradotto in Castel S. Angelo, a richiesta della Corte di Napoli, un tal Fanghella napolitano, che da qualche tempo stava in Roma con fama alquanto dubbia, ma che era familiare in alcuna delle migliori società e tra le altre in quella del Conte Ludolf Ministro di Napoli. La causa del suo arresto si dice politica, e si dice anche che il suo vero nome non sia quello, con cui si annunciava.

Domenica 12. — Oggi dopo pranzo all’anfiteatro Correa un tal De Angelis ha fatto l’esperimento di un suo ritrovato per staccare istantaneamente i cavalli da un legno, in caso di