Pagina:Discorsi postumi del Signor Lellis di alcune poche Nobili famiglie.djvu/121

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DI PALMA 79


za? e ceffone di raggionefatta à beneficio del detto Filippo dall’Abb.&a-
cefco, Felice, Tomafo > e Fabritio di Gennaro figli della detta Mercuria >
e del iuo primo marito Giesue di Gennaro, dell* Antefato della d.
loro madre, ftipulato nell’Anno 1516. per mano di N. Nardo d’Ai-
fiero di Nola, i protocolli del quale fi confervano neirArchivio Ve¬
dovale di Nola, come s’è detto di fopra. E con dette due‘mogli
procreò Filippo molti figliuoli > impercioche con Francefchella Ma-
ftrijlo fua prima moglie procreò Berardino, & Angelo mafehi > e
tre Femine, Laura maritata à Cola Giovanni de Mazzei, Antonia **
ad Antonio Fdice de Rifi, & Ippolita à N. Vergara, la quale fù Ce™l?rt*
Padrona del feudo delli Raimi)Come fi legge nel Cedolario. 17 M Ttrr^MLa-
Con la feconda moglie Mercuria Scrignara» ò de Scrignarijs procreò uore àeW ann 0
tré mafehi, che Furono Gio^Giorgio? Gio: Antonio» e Gio: Lorenzo 1736, uu. 219.• de* quali Gio; Giorgio fu Abbate, e di Gioj Lorenzo non trouO al- 18
tra memoria, che quella che fe ne fà in uno Inftrumento fatto ^nfirkm9nt,t tra
Felice di Gennaro more di detti fratelli. 18 ^Ma prima di parlare di Berardino, & Angelo figli della prima mo-™imotead*Cri*
glie di Filippo > dal qual Berardino difeende per retta linea la ca-pn0 f9r man9
là del detto Configliero Onofrio; faremo memoria di Gio: Antonio di N. Gafparro
procreato con la Scrignara, la di cui dipendenza non molto allignò.^ Gir ardii di
Gio: Antonio dunque feguendo à far* il fuo domicilio in Nola ■> come fi Hola * 9-^’Ago-
legge dalle Numerationi di detta Città» 19 godè» come fuo padro-^®1*20’
gl" honori 3 e prerogative di Nobiltà della medefima Città 3 prefe co- Emerat, de ir
ftui per moglie Cornelia di Liguoro del Seggio di Portanova di Na- j„„0
poli, come corta da una fede d’Iftruroento ftipulato nell’anno 1588. w.t.tiu. 146.. per mano di potare Giofeppe Ruflò di Napoli, prefentata nel S. R. dell’Ann. 1 f4j.
Configlio in Banca di Spera nel proccfTo intitolato Proceffus inter
ditòres q. lo: Berardim de Petto fot. 164. & anco appare dalia Nu¬
meratione di detta Città di Nola, ove viene numerata, come ve¬
dova del detto Gio: Antonio) 20 c con detta moglie effo Gio:Anto¬
nio procreò un mafehio chiamato Francefco» che vi (Te, e inoriceli- 20,.
be in habito di Prete; e due femine, una delle quali detta Carni!-
la fù moglie di Gio: Berardino del Pezzo nobile della Città di Sa-jj^*, jgjg, ’
lerno, come fi legge dall7 Irtrumeuto dotale ftipulato in detto anno
1588, per mano di detto Notar Giofeppe Rullò» nel memorato pro¬
cedo della Banca di Spera al foglio 164. nel quale iftrumenta inter¬
viene detto Francefco fuo fratello» e fi nomina la quond. Cornelia
di Liguoro loro comune madre. E l’altra fi chiamò Lucretia che fà
maritata à Pietro Paolo Nobilioae d’antica Nobiltà detta Città di
Sorrento; come chiaramente fi legge da un’Iftrumento di quietan¬
za delle doti ricevute da Cornelia Nobilione figlia deili detti Lu¬
cretia, e Pietro Paolo, ftipulato à 5. di Decembre deiranno 1618.
in Sorrento per mano di Notare Giulio Guarracino di detta Città,
prefenrato nel proccflò del Preambolo della quond* Camilla di Pal¬
ma in beneficio di Carlo del Pezzo in Vicaria nella banca di Fran-
ccfco di Vivo al foglio 5*.Or (èguendo il noftro genealogico difeorfo di Berardino» & Angelo fi¬
gli di Filippo, e della Tua prima moglie Francefchella Maftrillo,L faremoDigitized byGoogle