Pagina:Discorsi postumi del Signor Lellis di alcune poche Nobili famiglie.djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
86 DELLA FAMIGLI


me attendendo alli meriti del detto Onofrio in ha ver ben férvito
fua Maeflà, li faceva mercede d’incaricarli detta commi/fione nella
qual carica s’adoprò in modo» t’ha vendo purgata la Campagna di
Banditi la lafciò nettilfima al Succeflòre. India 25. d’Aprile 1650;
fù decorato da fua Maeflà della Piazza d’Avvocato Fifcale della*/
Gran Corte della Vicaria j e nel privilegio hebbe 1* honofe di rice¬
vere la feguente afTertione. Oh tuam in nos fingularem fidem, Jlu-
dium, litterarum peritiam, alia/que praeclaras animi tui dotes, de qui -
bus non mediocra dedijli fpecimina •> dùm per annos quamplures tam-
quam unus ex Advocatjs Primàri/s in nofir<e fideli(Jima Civitatis Nea-. polis Tribunalibus per optimè eluxeris j pofteà vero in dilla nojira^.
Magna Curia Vicaria, ut unus ex Iu di cibus, nobis grate 3 & laudabis
liter infervifii; N obi f que, D. lo anni ab Au [Iria filio noftro indefefsè af-
’ fiftendo ad bunc tumultum Popularium tempore durante } gratiofa obfc-quia exbihuifti, ae demùm in officio cammijfartj, &c.£ finalmente à 17. Decembre dell’Anno 1656. fù decorato da fua Maeflà
d’una Piazza di Regio Configlicro nel Configlio di Santa Chiara di
Napoli> e Tua maeflà nel privilegio» che glie ne fè fpedire» l’hono-
rò con alcune parole fingulari, che fono le feguenti. Tu in primis
dignus vifus es, quem illi proficere decrevimus propter tuam in nos
fingularem fidem» probitatem» eximiamque litterarum peritiam» & tra-
flandarum dexteritatem negotiorum 5 de quibus àdhuc preclara docu¬
menta dedisti pluribus ab hinc annis.Et in riguardo de’ferviti; di detto Configlicro Onofrio» Sua Maeflà fe¬
ce mercede al fopra menzionato Padre Maeftro Rafaele fuo fratello
precedente, carta à S. M. della Sereniflima Altezza di D* Giovan d*
Auftria» dal quale nel jviglietto» che mandò à detto Padre à 18.
Marco 1648. fi dice, che fi ritrovava tanto obligata del molto > c*
havea fervito > e ferviva Sua Maeflà il Giudice Onofrio di Palmas
in quelle occafioni» che benche per fua modeftia non pretendeva^,
pofto > ad ogni modo eflà Sereniflima Altezza teneva intentione di
rimunerare ferviti) tanto rilevanti con li premi; condegni à quelli nelle
vacanze

  • Maeftro di
Sacra Teologia» e de Teologi incorporati nel Collegio di Napoli»
Ss adminiftrò molte cariche delle [prime della fua Religione; indi
promoffo» come s’è detto al Vefcovato d’Oria» con tanta prudenza»
giuftitia» c pietà» reffe il luo Gregge» che fu ftimato l’idea dc’Ve-
fcovi» e Prelati del fuo tempo > E dairAbbate D. Ferdinando Vghcl-
li vien commendato con le feguenti parole. 36 Fr. Raphael Palma
Vghclliltal.fà- Nobilis Neapoli/anus Ord«Conventuali um S. Franci fei Infignis Theo-
tra. topt. f.jòl, logus, ac Verbi Det declamator egregius» germanus Frater Honufrif
227’, à Confilijs à Philippo IV. nominatus huus Ecclefix JEpifcopus db-Uflut ab lnnocentio X. die 20. Feh. 1650* commendatur maximi ejmin pati-Digitized byGoogle