Pagina:Discorsi postumi del Signor Lellis di alcune poche Nobili famiglie.djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
88 DELLA FAMIGLIA


Chi aromofue, frate!Jo carnale di D. Luigi S^nfeveriflo Principe dì
fr/igttano > uti’ altea maritata ai Marchcfè 4’ Oriolo della famiglia-*
pignone ckl Carretta» la quarta bebbe pecfpofo il Marchefe di Pre*
’dicatcUQ ^va Cirimaldo? e la fefta chiamata Suor Maria Angela
cambiando Jo Spofo temporale col Celfcfte» fife monaca nel Ucal
Monafterio delJa CottWtione detta delli gagnoli in Napoli ♦.,Enrico Bacco nella.fua caperà nominata di fopfra ampliata da Cefare d*
JEngeoio Scrittoi Cetebvti-c moko verfato nelle antichità» e
bikà dejk Famiglie Napojitane» c de)-Regno» tractando della Cit¬
tà d’Ifernta pofta nella provincia di Contado di MoJife * fà il feguttv»
tc 4if«*fo iella fopradetta> Famiglia- Qreco*?$Enrico B«ccq. ffc tempo I/from Sotto il domino de’Confi •> Come fi legge nell* Crei-*
^(r^o^ì *’(<t Cajfinenfe al cap. 8* del *. Uh* & boggt r % ejrà i’altrt, fa*
NapltMama. iMÌgVtAlMU che vi fona è la Greca ■> l* qtfal hà godrio.i.privilegi di
ta jtrNflpcJi»t} vobfità ’n m°h* cwà principali del EegtjQ y e particolarmente in Sale**
fann$)6.folx m > & W Napoli. In SaleYm godè ”d Seggi° de Portarttefay ove poi
159. fifp<nfi affatto* conte fi legge in molte fcritture del Re al Archivio dellaZecca di Napoli* Che fujfe nobile in Napoli fi verifica da infinite fcrit-
tette, del.ontdem? Archivio, f partkqlarmente dall? feguentt nell1 tnn%
Itji, prima Inditene fols 30$, e ft<q. ove fi legge* che il Cavafjer Mdt- „
ieo.^Caefaeehlo.di’Napoli i prende per maght.Capuana figliuola di. Filip¬
pa Grecq Gfn/il’huomo Napolitano Con ctn^qn^c di do le, da (he fi puq
rac&tie ■>? cfy alcuni diqnefta Famiglia di Napoli >q pur da falera* l
n’andafiè*Q *4 bnbitar in lfemia, q da 1 ferma ne venijfera in Napo-.. {ir ò in Sternoifia dunque come fi vuole, fi.rende ben chiara > rio v, qkffta famiglia fia fiat# fempre nobilifftma ovunque fia fiata y e partù
-wlarmenté tn Jfemia» ovvila fiorì > come di prtfinte fincata» e che dì
m fia vero >fi. ver$(fi da tre figuenti fcritture J untft del medemo Re¬
gia. Are bivio, ove fi legge? che facend<fi la mqffra generale de ‘Baroni
feudatari/* del,Rè Robjerto, fra gli filtri Cavalieri» e Baratti, che v’in*
tervennezn? f$ Nicole Greco d’1 firma come nell’anno 1 fol.it.
fòl< 106’e 138. Nella feconda > ebefiferba nel Monafterio di Sfintai*.Patriria di Napali nell* ama *3*5-firaccoglie, cheCicella Mafeli*
Signora Napoli tan fi è moglie del Cavalier Gualtiero Greca d* IfernidL*.jmdyttdomo di Filippo fritoipe di T«rfinto^& Imperador d* Goftfinti*- popoli x prefta diec* onze di carimi d’argento fil Cavalier Mattea Pro*- fojujice di Salerno, Ntll’ultimo ch’è fra le fcritture di Santfi Mari*À Cappella, di Napoli dell’anno 13^fotta>ìa tìegin* Gio;Il Cavfilier
ÌAvdolfo Greco 4’Ifirnt^ Cameriera della fiefik Regina, fà fuo Procu-- rator.e tÀfoto • Barrefe di Napoli fuo. fognato y con fimpia potéfiti di poter
locfir^kune fue cofe 3 ch’ei poj/èdeva in Napoli nei quartiera dt Co-
pU4Wt i le quali erano già fiate di lineila Barreft fua moglie forella■ del detta lifriaj dalle qvaU firimre fi raccoglie l’antied nobiltà di f««-
fta famiglia j da cui trafitto Mgine gli ante ce/fari di Don. Frane e fa
Greco Orna dì MwtentQre; i qu*h più> di cento cinquantènni fona
fiati Rafani dèlie tetro della Petrella» e del Collo nelle frovineie di Con«¥ (affi di’M el fi> e di Terra di dAvoto i oltre di molti fendi rufticii chx
eghno per prima pojpdtltcrQ i ónde con gran ragione, e rtetitamentt AFran*Digitized by v^ooQie