Pagina:Discorsi postumi del Signor Lellis di alcune poche Nobili famiglie.djvu/131

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DI PALMA 89


’francefco da Filippo III. ottenne titolo di Duca fopra la terra predet-
’ ta > per la fu a antica nobiltà, meriti, virtù, Evalore, il qual vive
’ hoggi curjofo ditutte le fetenze % Quefii gli anni à dietro fi caso con
1 Z). Eleonora figliuola diD, Berardino RamiresMontalvo Luogotenen¬
te della Camera, Regente di Cancellala, Cavalièr dell* Ordine di S*
Giacomo» Configliero di Stato difua Mae ftà nel Regno di Napoli» o
Marchefe di San Giuliano Signor di molti meriti» & valore. Dal quaì
matrimonio foho nati Don Giófeppe» & una femiha.£ facendo ricorno agPaltri figliuoli d’Onofrio procreati con D. Bea¬
trice d’Orfo; l’altra delle due fèmine chiamata D. Lucretia prefe per
marito D, Pietro Moccia Marchefe di Montemare Cavaliere dell’Or-
dine d’Alcantara figlio di D. Antonio foprànominato dall’Autore^»
e della fua primiera moglie D. Zenobia Sebafto MelifTeno, comt ap¬
pare, dalli capitoli matrimoniali per mano di Notar Fiorillo Cefa-
rio di Napoli à 2 5. Maggio 1669.D. Filippo feguendo l’orme del padre fi diede con molta applicatio¬
ne allo Audio delle Leggi) nelle quali effendo riufeito di non poco ta¬
lento» è Aato promoffo alla carica di Regio Auditore in più d’una
Provincia del RegaO)ove s’è portato con tanto Zelo» integrità» e
giùftitia i c’hà dato chiaro inditio di non degenerare dal Configlie¬lo Onofrio fuo padre. Si congiunfe in matrimonio con D. France¬
te Pallavicino figlia di D. Ambrofio della famiglia del Marchefo
Pallavicino Nobile Milanelè»fratellodi D.Andreana Palla vicino ca- ’
fata con D.Francefco Caracciolo di Luife Cavaliere del Seggio di
Capuana»con la quale.s’è fatto padre di D.Nicola» D. Onofrio»
D.Giovanni, D.Profpero,e D.Ambrofio mafchi) e delle feguenti
femine > D. Anna al prefente detta Suor Maria Bmanuele Monaca nel
Monaftero di-S. Chiara di NolaYD.Tèrefa maritata con D.France-
feo Spafiano di antica famiglia Nobile del Saggio di Domininova
della Città di Sorrento figlio di D. Andrea» è di D.Lucreria No-
bilione Nobile del medemo Seggio» del qual matrimonio fe nefti-
’pulò I frumento di capitoli à 6. di Aprile 1697. per mano di No¬
tar Nùnzio RufTo di Napoli) D. Lavinianovitiain detto Monafte-
ro > & D. Beatrice, e D. Bmanuele, che s’edducono in cafa •D. Simone l’altro figliuolo di detto Configliero Onofrio» fi dottorò
fimilmente nell’una»e L’altra Légge» pù non havendo feguitata la*
detta profeffione > fi cinfe al fiaccola fpàdaiFhà dbtatòIaNatura
d’una grandezza d’animo /ignorile» e d’una generofità di fpirito
propria de’peffonaggi di sì antica» e nobile pipfapia > accoppianfi à co¬
sì rare dòti nojblliifimi tratti nel procedere» & una dolcezza ama¬
bile nel converge i- ’onde traendo à fe chiunque con lui tratta» fi
rende caro fommamente à tutti > B’caiàto con D. Catarina de Roik
degli antichi Baroni del Cartello di Rofa in Calabria» dal dominio
del quale prefero li perfonaggi di tal famiglia la denominatione» e
con tal moglie hà procreato fino ad hora un fol figliuolo chiama-
to D.Pietro»il quale educandoti fotto la difeipìina paterna» bea*
moftra eflèr degno rampollo di sì Nobil pianta. Bt àqueftiperfo-
folanKWC fi riduce il Ramo di quefta famiglia difendente dal
 M a primo ^Digitized by