Pagina:Discorso Economico sopra la Maremma di Siena.pdf/104

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
102


Non si ridurrebbono allora in grado di abbandonare anche co’ granaj pieni, come alle volte è accaduto, i loro Colti, e le Terre già lavorate, e smacchiate per non potere trovar compratore che desse denaro per andare avanti.

[E seguono altri pregiudizi.]Tanto più che debbono allora più che mai aspettarsi questi infelici di vedersi raddoppiati i rigori dell’ esazioni, poichè privato che sia il Regio Erario degli utili che ritrae dalla Gabella delle Tratte, non è in grado di soffrire dilazioni, di usar condescendenze, e la necessità di esigere viene in sequela della proibizione di acquistar denaro che ad essi si fa, quasi fosse in loro arbitrio il batter moneta, ed avessero la cava dell’ oro nelle loro Capanne. Che si obbligassero a dare quello che hanno, l’intendo, Grano, Bestiami, Istromenti de loro lavori; Ma il chiudere alla Fonte i Canali, e volere che segua a contribuire più abbondanti le sue acque, l’è una politica da non potere andare in lungo.