Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/143

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
DIN — 142 — DIO

rabià, rosso come un tacchino; grasso ’l dindio, inter. non c’ è sciali, o sfoggi; ’co o orco, o porco dindio, inter. cocuzze, cospettaccio, — e simili; una -pena de dindio sta sempre ben in scarsela, prov. sta bene avere allato due soldi di minchione.

Dio, sm. Dio, Iddio, e per antonomasia: l’Altissimo, — l’Amor divino, — l’Architetto divino, o Eterno, o Sovrano, l’Avversario d’ogni male, — la Bontà divina, o infinita, o somma, — il Dàtor d’ogni bene, — il Dispensator dell’universo, — l’Ente supremo, — l’Essere increato, — l’Essere supremo, — l’Eterna idea, — l’Eterno amore, — la Forma universale, — l’Increata sapienza, — l’Intelletto primo, — la Maestà divina, — il Padre del. cielo, — il Padre nostro, — la Prima causa, — il Primo amore, — il Primo motore, — il Puro atto, — il He dei rei, — il Re del cielo o de’ cieli, — il Sommo amore, il — Sommo artefice, — il Sommo bene, — il Sommo sole, — il Supremo amore, — la Suprema possanza; pi. dei, deidade, deitade, divinità; di Dio, superno: — „Cose impossibili senza il superno aiuto;“ popoli che credono in un Dio solo: monoteisti; popoli che professano più divinità: politeisti; santo Dio, esci. giusto cielo, santo cielo; grazie a Dio, esci, grazie, o lode al cielo, — lodato, o ringraziato il cielo; Dio sa, sa il cielo, lo sa il cielo: — „ Credi che verrà ? — Lo sa il cielo;“ vero come che xe Dio', vero come il padrenostro, o com’è vera la verità: — Be lo trovo ghe dago do sberle vero come che xe Dio'. = Se lo trovo, gli do du’ ceffoni, come è vera la verità volerghe el ben de Dio, loc. avv. volerci del bello e del buono; andar con Dio, o col nome de Dio, mei. andare alle Ballodole, — passare a miglior vita; aver finì de ofender Dio, met. averla fatta finita; dir l’ira de Dio, dire le piaghe di Cristo, — dire le sette peste, — dire od uno, o di uno, un colonnello d’ingiurie, di villanie, ecc.; — dirne ira di Dio, dir plagas; mandar con Dio — i mendichi: mandare in pace; col nome de Dio, nome di Dio; col nome de Dio e de la prima volta, nome di Dio e della prima volta; che Dio me perdoni, Dio non me. lo conti a peccato: — „C%e Dio me, lo perdoni ma le galine no le ga robade nissun altro che Giovani. — Dio non me lo conti a peccato, ma le galline non le ha rubate che Giovanni;“ che Dio volessi— formula desiderativa: — piaccia a Dio; che Dio no volessi, che Dio no fazi — formula deprecativa: non piaccia a Dio, — siami discosto; aver el ben de Dio, avere ogni ben di Dio, — chiedi e domanda; in grazia de Dio, la Dio mercè; come che xe Dio, essere quattrini gigliati — „Se no ghe porto do mani i bezi del interesse el me manda al incanto la casa come che .xe Dio. = Se non gli porto domani i denari dell’interesse, mi manda all’incanto la casa, son quattrini gigliati;„ grazia de Dio, grazia di Dio; far come che Dio comanda, fare ammodo, — a modo, — eon garbo; — per bene, — e simili; se Dio voi,, se Dio vuole; Dio me o ne guardi, Dio - me ne guardi, Dio mi guardi, — Dio ci guardi; che Dio ne liberi, che Dio ci guardi, — Dio ci liberi, — Dio ci guardi, scampi e liberi; che Dio ne la mandi bona, che Dio ce la mandi buona; xe tuto bon quél che manda Dio, le vie della divina provvidenza sono imperscrutibili; se Dio. no me, o no ne provedi, se Dio non mi, o non ci provvede; bisogna ciaparle o ciorle come che Dio le manda, loc. prov. non c’ è rimedio contro quel che vien di su; parer che un no gobi mai visto grazia de Dio, parer — quel tale venuto dall’assedio; bisogna lasar far a Dio, bisogna lasciar fare a Dio eh’ è santo vecchio; giurar sul nome de Dio, appellar Dio te- • stimonio d’una cosa; solo Dio xe infalibile, prov. non c’ è uomo che non erri nè cavallo che non sferri, — non è buon bifolco che faccia sempre diritto il solco; i pntei e i mali, o i putti e i imbriaghi i ga un Dio per lori, prov. la fortuna aiuta i matti ed i fanciulli. Lo dice anche l’Ariosto: Ma

{{FineColonna}

}