Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/144

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
DIO — 143 — DIE

la fortuna che dei matti ha cura ecc.; bastonar Dio per la testa, prov. nicchiare a pan bianco, — rammaricarsi di gamba sana, — ruzzare in briglia; che Dio te benedisi, che Dio ti benedica; cavando la grazia de Dio, 'salvando la grazia di Dio', — „Che, questo è pane ? E’ mota, 'salvando la grazia di Dio';“ a la Iona de Dio, m. avv. alla carlona, — alla sbracata — alla sciammanata, e far a la bona de Dìo, far là pur che sia o tirar via; in sto Dio, m. avv. così, in questo modo; a biondo Dio, m. avv. a bizzeffe, — ad esuberanza, — a divizia, — a dovizia,. — a iosa, — a piacere, — a ufo, — a volontà, — in abbondanza, — in copia,. — in massa, — in quantità, — in ridondanza, — e nevigar, piover, tempestar a biondo Dio, o che Dio la manda, nevicare fortemente, — piovere a catinelle, o a ciel rovescio, — tempestare assai; — che Dio te spolpi, bassa imprecazione: che Dio t’assaetti — che tu possa accidentare; — chi se aiuta Dio lo aiuta, prov. chi s’aiuta il ciel, o Dio l’aiuta, — a tela ordita Dio manda il filo, — la buona cura caccia la mala ventura; Dìo disi aiutile che te aiutarò anca mi, prov. Dio dice: aiutati che il ciel ti aiuta; Dio vedi e prevedi, prov. Dio vede e provvede; omo alegro Dio lo aiuta, prov. uomo allegro il ciel lo aiuta; V omo proponi e Dio disponi, prov. i detti son nostri ed i fatti son di Dio, — l’uomo propone e Dio dispone; Dio manda ’l fredo secondo i pani, prov. Dio manda il freddo, o il gelo, secondo i panni; ognidun per se e Dio per tuti, prov. ognun dal canto suo cura si prenda, — ognun per se, e Dio per tutti; co Dio no voi nanca i santi no poi, prov. quando Dio non vuole i santi non possono; vose de popolo vose de Dio, prov. voce di popolo, voce di Dio; Dio no paga ’l sabo, o Dio xe un bon paron, el paga a la su stagion, o Dio no xe furlan, se no ’l paga ogi el paga doman, prov Dio non paga li sabato, — Domeneddio non paga a giornate, — il castigo si può differire, ma non si toglie, — il giorno che si fa il delito non si va in prigione, — la pena è zoppa, ma pure arriva,. — la vendetta di Dio non piomba in fretta, — gli antichi dicevano parimenti: Reperii Deus nocentem-, de un segnà de Dio zento passi indrio, — e qualche volta aggiungesi, per far sfòggio di dottrina: e de un zoto zento e oto, prov. guardati da’ segnati di Cristo; chi sta con Dio, Dio sta con lu, prov. chi sta con Dio, Dio sta con lui, — chi sta con Dio non gli manca pane; Dio solo no ga paron, prov. Dio non ha padrone; Dio sa quel che fa, prov. Dio sa quel che fa, — Dio solo non può fallire, — è meglio quel che Dio manda, che quel che l’uom domanda, — la provvidenza quel che toglie rende, — quel che Dio fa è ben fatto, — quel che non si conviene, da Dio mai non si ottiene; Dio li fa e po li compagna, o Dio li ga fati e li ga compagnai v. acompagnar; per l’amor de Dio, v. amor -, che Dio ghe brazi l’anima, v. anima; Dio sera un balcon e verzi un porton, v. balcon; che Dio te dia o glie dia del ben, e esser el ben de Dio v. ben.

Diol, sm. affanno, ambascia, dolore, duolo, pena.

Dioler, vn. dolere.

Dipender, vn. dèpendere, dipendere; derivare, procedere, provenire; no dipender de nissun, dipendere da sè stesso.

Dir, va. articolare; dicere, dire; esprimere; dir di si accennando col capo: annuire; che no se poi dir — tanto è sublime: ineffabile, inenarrabile; — tanto è scellerato: nefando; al dir — di chi si sia: al detto: — „Al detto del pubblico è un solenne truffatore;“ dir tuto tn un fià, dir sotto un riaver d’alito; no dir qualcossa come che la xe, chiamar la gatta boncia; dir roba dell’altro mondo, met. dir cose da impregnar le ciuche; no dir ne tru ne eri, o ne eri ne mus, non fare nè motto nè totto: — „ Senza dir ne eri ne mus, el ga ciolto el su capei e el xe andà. = Senza fare nè motto nè totto ha preso il su’ cappello e se n’è andato; * dir torno, divulgare, propalare; no xe