Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/339

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
PEE — 838 — PEI

dente; il presidente dell’Accademia della Crusca: arciconsolo.

Presielier, va. prescegliere.

Preson, sf. carcere, ergastolo, penitenziario, prigione, — buiosa, domo Petri, gattabuia; andar in preson, andare a bastonar i pesci — tolta la similitudine da coloro che una volta venivano condannati al remo, — andare a vedere il sole a scacchi; meter in preson, aggratigliare, carcerare, prigionare; molar fora de preson, scarcerare.

Prestarse, vnp. adoperarsi, prestarsi.

Presto, avv. con velocità, velocemente, presto, prontamente; assai presto, ben presto: — „Vi ha delle relazioni ohe vengono ben presto a noia.“

Presunzion, sf. presunzione, prosunzione. .

Pretazo, sm. pretaccio; pretazzuolo, pretignuolo.

Prete, sm. ecclesiastico, prete, sacerdote, — ministro dell’Altare, o ministro di Dio; ferri, sacerdotessa: — „Eea Silvia, figlia di Numitore, sacerdotessa di Testa;“ vestito de prete, •abito lungo, o talare — quello che scende a’ sacerdoti fino a’ piedi, e: abito corto — quello che scende loro fino le ginocchia; sbaglia anca ’l prete sul aitar, v. aitar.

Pretender, va. esigere, pretendere, — aver pretensione; pretendersela — di, o in c“he che sia: avere il baco, o avere il pugniticcio di questo o quello — pretendere in una cosa, — pretenderla a.

Pretesa, sf. pretensione, pretesa; met. albagia; albagia insolente: burbanza.

Pretor, sm. pretore.

Pretesto, sm. afferratoio, appicco, ’ pretesto.

Preveder, va. antivedere, prevedere, — vedere avanti.

Prevenir, va. prevenire..

Prezedente, agg. antecedente, precedente.

Prezeder, va. e vn. precedere, precorrere; che precorre: foriero: — „Le primole sono foriere della primavera. “ Prezesor, sm. antecessore, precessore, precursore.

Prezetado, sm. precettato.

Prezetar, va, precettare.

Prezeto, sm. precetto; ammaestramento, regola.

Prezio, prezo, sm. prezzo; preso de afezion, prezzo d’affezione; roba che no ga prezo, met. roba che non ha pago; a bon prezo, -m. avv. a buon mercato, a poco prezzo.

Prezioso, agg. prezioso; far el prezioso, met. fare il prezioso, o farsi il prezioso: — „ Vorrebbe farsi prezioso, e si fa ridere.“

Prezipitar, va. precipitare.

Prezipitazion, sf precipitazione.

Prezipitosamente, avv. precipitatamente, precipitosamente.

Prezipitoso, agg. precipitoso, — inconsiderato, senza ritegno.

Prezipizio, sm. abisso, balza, baratro, burrone, dirupo, precipizio, scoscendimento; precipizio; esser sul orlo del prezipizio, v. orlo.

Prezisamente, avv. precisamente — per l’appunto.

Prezisar, va. precisare.

Prezision, sf. esattezza, precisione.

Preziso, agg. preciso.

Prezolar, va. prezzolare.

Prigiogner, sm. carcerato, prigione, prigioniero.

Prima, avv. prima; poet. pria, — avanti, dinnanzi, innanzi; de prima, di dianzi:--..Questa canzone mi piace meglio che quella di dianzi;“ su le prime, in su le prime: -„ Negava in su le prime, ma poi confessò tutto;“ in prima, a mezzo punto: — „Bada hai il fucile a mezzo punto, se ti sbalza la lepre !“

Primariola, sf. primaiuola, primipara.

Primaveril, agg. primaverile.

Primegiar, vn. primeggiare.

Primo, agg. primo; primiero, pristino; de primo intro, m. avv. in una prima apparenza — nel primo getto, .— a, o alla prima giunta, —