Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/374

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
SAE — 373 — SAV

baril, met. stare come le sardelle, stare ammontati come le sardelle, — esser fìtti come le acciughe, — esser in soppressa.

Sardon, sm. zi. alice, alio — engraulìs encrasicholus.

Saresin, sm. bot. fagopiro, fraina, grano nero, o grano saraceno — polygonum fagopirum.

Sargente, sm. sergente.

Sargo, sm. zi. sargo del Salviani — sargus vulgaris.

Sanandola, sf. zi. lacerta, lacertola, lucerta, lucertola grigia — lacerta agilis; sariandola verde, ramarro — lacerta viridis; met. scarabocchio.

Sariesa, sf. ciliegia.

Sarieser, sm. bot. ciliegio, ciriegio — prunus cerasus.

Sarisin, sm, bot. lo stesso che saresin.

Sarsegna, sf. zi. cercedula maggiore — anas creca.

Sarta, sf. sarta, sartoressa; sarta che va lavorar per le familie a giornada, giornante.

Sarte, Sarto, sm. sarto, sartore.

Sartorela, sf sartina.

Sartuzo, sm. sartuccio.

Sassada, sf. sassata; far le scissade, far a’ sassi.

Sassazo, sm. gassacelo.

Sasseto, sm. sasserello, sasseito, sassicello, sassino, sassolino, sàssuolo.

Sassinada, sf. assassinamento, assassinio: met. dilapidamento, scialacquo, sciupìo, sperperamento.

Sassinar, va. assassinare; met. guastare, sciupare.

Sasso, sm. sasso, pietra, scoglio; di sasso, convertito in sasso, simili al sasso: sàsseo; sasso“ messo dove l’acqua non è profonda per passarla a piede asciutto: passatoio; sasso grandissimo, radicato in terra: masso; scorpena de sasso, zi. cerniola — polyprion cernium; tirar sassi contro de qualchedun, assassare quel tale; restar de sasso, met. rimanere di sasso, o restar pergola; tirar el sasso .e sconder el brazo, v. brazo; roba de far pianzer i sassi, v. pianzer.

Sasson, sm. masso, sassone; balza, dirupo.

Satirizar, va. satireggiare, satirizzare, — far satire.

Satrapo, agg. angoloso, foràstico, misantropo.

Saver, sm. arredo cognizioni, doti dell’animo, dottrina, sapere, scienza; vn. sapere. — essere a giorno, essere consapevole, esser conscio; conoscere: — „Conosce il francese e lo spagnuolo;“ aver sapore; aver odore; sapere del tal sapore o del tal odore; che sa, conscio, consapevole, partecipe; che no sa, insciente, inscio; che sa tuto, onnisciente — ed è un attributo divino; saver de, sapere di:’ —,. Quell’arrosto sa di abbruciaticelo; ’ no saver gnente, met, non sapere biracchio; saver assai — detto antifrasticamente: saper molto, o saper di molto, o sapere per molto:. — „.Ti disi chel vegnarà ?- — So sai mi-\ = Dici che verrà ? — So per molto o: so di molto !“ aver de saver, aver da sapere: — ,,Abbia da sapere che in casa mia sono il padrone io, m’accomoda così e basta;“ no volergliene saver, o no voler saver ne poco ne tropo, met. non voler saperne, o non voler saper nulla, — non .voler udire trattato di chicchesia, — non voler sapere d’una data persona, o cosa, una buccicata; no saver cossa dir, o no saver cossa far, non sapere ohe si dire, non sapere che si fare,. — essere irresoluto; no saver più in là, non saper più là; — ,,L’ho veduto co’ miei occhi, e non ne so più. là; „saver proprio per sicuro, sapere che si sia di buon luogo; saver viver, saper vivere, — aver prudenza; saver, o no saver de bon, sapere buono, o sapere cattivo checchesia: — ,.Sono frittelle che non mi san buono,“ no saver de gnente, o no saver ne de ti ne de mi, non sapere nè di me nè di te, — non sapere di nulla: — „Dice delle sciocchezze che non san proprio di nulla;“ no saver più. cossa far, met. non saper che acqua si bere, — non sapere dove dar del capo, — non saper che pesci pigliare; vignir saver, risapere: — uLo son vignò saver proprio per combinazion. .= L’ho risaputo proprio per combinazione;“ vignir .saver